Spedizione gratuita!
Ogni ordine successivo in data odierna avrá le spese di spedizione gratuite.

Il colore delle gemme

Colour: Il Colore delle Gemme

“Il miglior colore al mondo è quello che ti sta bene”

Gabrielle Bonheur “Coco“ Chanel (1883 - 1971)

Il colore è il fattore più importante quando si tratta di valutare una gemma e questo non sorprende. In percentuale, si ritiene che il colore contribuisca a circa il 50% del suo valore finale. Peso (in carati), taglio e purezza influiscono direttamente sul colore di una gemma.

Ma quando si ha a che fare con la bellezza è sempre una questione molto soggettiva e in ultima analisi dipendente dall’occhio di chi guarda. Questo non vuol dire che in materia di colore delle gemme non esistano dei criteri di giudizio, anzi, certamente esistono, ma non dovrebbero mai sacrificare le preferenze personali. Non sorprenderà sapere che più attraente è il colore di una gemma, più alto è il suo valore.

La Tormalina Paraíba

La Tormalina Paraíba

Due fattori fanno sì che un colore sia molto ricercato: la moda e la sua rarità. Il primo si comprende facilmente: è la moda che determina il successo di un colore. Se nessuno trova attraente il colore di una gemma, la sua rarità non avrà alcun valore. Al contrario, se il colore è di moda e la gemma è rara, come la Tormalina Paraíba o lo Zaffiro Padparadscha, siamo di fronte a una superstar delle gemme. In generale i colori intensi sono preferiti a quelli scuri o a quelli chiari, ma esistono eccezioni, ad esempio l’Ametista Rose de France, molto amata in epoca vittoriana.

Il modo in cui si descrive una gemma colorata può indurre qualcuno a volerla possedere oppure al contrario a rifiutarla: ci sono parole o espressioni specifiche per descrivere i mirabili colori delle gemme, per esempio il “nobile rosso” dello Spinello, il “blu fiordaliso” degli Zaffiri, oppure la sigla “AAA” (tripla A), per indicarne la qualità superiore (colore e purezza).

Ma cosa si intende esattamente per “colore”?

Semplificando, le gemme colorate si presentano in due modi:

  • Dotate di colore proprio (Idiocromatiche): nella struttura cristallina del minerale è incorporato un elemento colorante che gli conferisce un caratteristico colore. Per esempio, nel caso del Peridoto è l’alto contenuto di ferro del minerale, pari al 12-15% della sua massa totale, a conferire alla gemma le sue sfumature verdi.
  • Etero colorate (Allocromatiche): in questo caso il colore della gemma è determinato da piccole quantità di elementi coloranti che non fanno parte della sua normale struttura cristallina e/o da imperfezioni del cristallo (centri di colore). Allo stato puro, i minerali “etero colorati” sono incolore. Senza elementi coloranti (e/o centri di colore) tutti gli Zaffiri, ad esempio, risulterebbero incolore.

Il colore delle cose dipende dal loro modo di reagire alla luce. Il colore di alcune gemme, come l’Opale, è determinato dal modo in cui la luce si rifrange in lampi che mutano a seconda dell’angolo di osservazione (gioco di colore). Ma per la maggior parte delle gemme, così come per la maggior parte degli oggetti, la nostra percezione del colore comporta una straordinaria metamorfosi. Come si rivela nell’arcobaleno, la luce bianca è la risultante dei singoli colori dello spettro: blu, verde, arancio, rosso, violetto e giallo. Quando la luce bianca attraversa una gemma, alcuni di questi colori vengono assorbiti. I colori dello spettro che vengono meno assorbiti si combinano insieme per dar vita al colore della gemma. L’assorbimento di alcuni colori si chiama “assorbimento selettivo della luce” ed è sempre lo stesso per ciascuna singola gemma. La gemma che lascia passare tutti i colori dello spettro si presenta incolore, quella che li assorbe tutti si presenta nera. Una gemma rossa appare rossa perchè assorbe tutti gli altri colori dello spettro tranne il rosso. Sono i cambiamenti nei colori che compongono la fonte luminosa a far apparire diversa una gemma in diverse condizioni di luce. Anche una lieve variazione della fonte luminosa può determinare una rilevante diversità nella nostra percezione del colore di una gemma. In casi estremi, il risultato può essere addirittura un cambiamento di colore. Mentre alcune gemme appaiono più belle in condizioni di luce naturale e altre in condizioni di luce artificiale (incandescente), teoricamente i colori di una gemma dovrebbero restare belli in qualsiasi condizione di luce.

Una gemma “idiomatica”, il Peridoto, e una gemma “allocromatica”, lo Zaffiro Giallo

Una gemma “idiomatica”, il Peridoto, e una gemma “allocromatica”, lo Zaffiro Giallo

Il colore è influenzato da tre componenti:

  • Gradazione: è la posizione che un colore occupa nella scala cromatica. Parliamo di sfumatura, tinta o sensazione di colore.
  • Tono: è il grado di chiarezza o di oscurità di un colore.
  • Saturazione: è l’intensità (forza o purezza) di un colore. Saturazione e trasparenza insieme, più del tono, influenzano tipicamente la bellezza di una gemma.

Benchè esistano diversi sistemi di classificazione del colore (per esempio il GemDialogue, il GemEWizard e il GIASquare), non esiste uno standard universale per definire il colore delle gemme colorate. Ciò è dovuto principalmente al fatto che le gemme colorate sono un fenomeno altamente soggettivo, tanto è vero che i venditori creano i loro personali sistemi di classificazione, come ad esempio le tre AAA.

Il colore può essere un ottimo modo di scegliere una gemma, ma bisogna tener presente che il colore, da solo, non è un criterio sicuro di identificazione. Anche un esperto si può ingannare! Il colore è certamente d’aiuto, ma altri indizi visibili come formazioni inclusive, segni di deterioramento (durezza), pleocroismo, fuoco e sfavillio, sono anch’essi di importanza fondamentale. Questi aspetti, in concomitanza con l’uso di strumenti gemmologici come il microscopio, la lente di ingrandimento e il rifrattometro, sono il solo modo per acquisire certezza.

Per saperne di più, nelle pagine seguenti trovate le pietre preziose più celebri catalogate secondo il loro colore:

Aktuelles

Tutte le novitá deIl Mondo delle Gemme

  1. Agatha Christie e i misteriosi diamanti scomparsi

    16. Ottobre 2017

    agatha christie Cuini Amelio-Ortiz Agatha Christie No, non è il titolo di un giallo della grande scrittrice britannica Agata Christie. Si tratta di un aneddoto vero, degno però di...
    continua a leggere →

Torna su