Spedizione gratuita!
Ogni ordine successivo in data odierna avrá le spese di spedizione gratuite.

Calcedonio | Le Gemme di Juwelo dalla A alla Z

Calcedonio

“Secondo Demostrato, il primo romano a portare una Sardonice [una varietà del Calcedonio] fu Africano il Vecchio. Da quei tempi questa gemma è stata tenuta in altissima considerazione a Roma”

Plinio il Vecchio (23-79 d.C.), Historia Naturalis

Calcedonio blu

Il Calcedonio Blu

Nome

Il nome Calcedonio deriva da Calcedonia, un antico porto della Bitinia, provincia romana situata nell’attuale Turchia. Il termine “Calcedonio” genera sempre confusione, perchè indica non solo la famiglia di un gruppo di minerali, ma anche una particolare gemma all’interno di questa famiglia.

Nel suo significato più ampio si riferisce a tutte le varietà di Quarzo criptocristallino, ma indica anche un sottogruppo all’interno della stessa famiglia che comprende solo gemme che vanno dal blu al bianco grigio. Le varietà multicolore rientrano nella categoria “Agata”.

Composizione chimica del Calcedonio

Il Calcedonio è un Quarzo Criptocristallino, precisamente un biossido di silicio, composto di Quarzo e Moganite. La sua composizione chimica viene riassunta sotto la formula SiO2.

Estrazione del Calcedonio

Il Calcedonio Blu dalla Turchia, dalla forte trasparenza, continua ad essere estratto senza interruzione dall’antichità ed è ancora oggi una gemma molto richiesta. Ulteriori giacimenti si trovano in Brasile, negli Stati Uniti (California), in India, in Madagascar, in Malawi, nella Namibia, nello Sri Lanka e nello Zimbabwe.

Calcedonio grezzo

Il Calcedonio: la roccia madre e il cristallo grezzo

Storia del Calcedonio

Il Calcedonio occupa un ruolo importante in molte culture, soprattutto antiche, come la civiltà mesopotamica (attuale Iraq), egizia e greca, lasciando delle tracce nella religione cristiana, islamica e buddista: basti pensare che questa è la gemma prescelta per la produzione di statue del Buddha.

Nella Bibbia il Calcedonio è una delle dodici gemme consegnate a Mosè sul Monte Sinai che, obbedendo all’ordine divino (Esodo 28:15-30) le fece incastonare nel pettorale di Aronne (gran sacerdote e fratello di Mosè). Queste gemme corrispondono ai dodici figli di Giacobbe e alle rispettive tribù di Israele. Ben quattro pietre preziose di queste dodici appartengono alla famiglia del Calcedonio: Agata, Diaspro, Onice e Sardio (Corniola).

Nelle Rivelazioni (21, 19-21) viene citato un ulteriore gruppo di dodici gemme poste nelle fondamenta delle mura della città di Gerusalemme e ancora una volta le Calcedonie sono quattro. Queste gemme sono direttamente associate agli Apostoli (Rivelazioni 21, 14) e secondo la classificazione del Vescovo di Cesarea del x. secolo, il Calcedonio rappresentava l’Apostolo Andrea.

Anche per i Romani il Calcedonio aveva un significato particolare, essendo la gemma per eccellenza per la fabbricazione di amuleti magici, sigilli, cammei e intagli, oltre che essere incastonata per impreziosire anelli, spille, bracciali, fibule e collane.

La fama del Calcedonio non si interrompe nell‘antichità, ma arriva fino al Medioevo e Rinascimento. Ancora oggi resta comunque una pietra molto amata dai tagliatori di gemme, dai gioiellieri e dai collezionisti come pietra preziosa, che come materiale di applicazione nelle arti decorative.

Caratteristiche del Calcedonio

Generalmente la trasparenza del Calcedonio va dall’opaco al traslucido, il suo striscio è bianco, la frattura scabra e irregolare; non ha sfaldatura e ha una durezza tra 6,5 e 7 nella scala di Mohs.

Il criterio più importante per valutare il Calcedonio è il colore, che tende dal blu al grigio latte. Gli esemplari che presentano un’uniforme distribuzione del colore e una maggiore trasparenza sono i più pregiati. Normalmente i Calcedoni sono tagliati a cabochon e vengono impiegati per incisioni, cammei e intagli. Valutare il cabochon è semplice: bisogna prestare attenzione alla finitura, alla forma e alle proporzioni. In materia di incisioni, cammei e intagli è forse meglio affidarsi alle preferenze personali , ma come regola generale si può considerare la complessità dei dettagli e la distribuzione del colore.

Calcedonio blu

Il Calcedonio Blu

Varietà di Calcedonio

  • Calcedonio Blu
  • Crisoprasio - Il Crisoprasio, chiamato anche “Calcedonio Verde”, è una varietà di Calcedonio, che affascina con le sue belle tonalità verdi.
  • Corniola – La Corniola è una varietà di Calcedonio traslucida o opaca dal colore rosso-marrone.
  • Onice

Cura del Calcedonio

Se esposto a una fonte di luce intensa, il Calcedonio può perdere l’intensità del suo colore o tornare al suo colore originale; di contro sono del tutto sicure le pulizie sia ad ultrasuoni, sia al vapore.

Scopri la collezione di gioielli con Calcedonio sullo Shop

Aktuelles

Tutte le novitá deIl Mondo delle Gemme

  1. È arrivata l´estate! Piú colorata e preziosa che mai!

    21. Giugno 2017

    Header Simona Nicolai Sole, mare, estate! Caldo, vacanze, frutti e colori vivaci! Il 21 giugno si celebra il solstizio d´estate. Che noi si stia morendo di caldo ...
    continua a leggere →

Torna su