Numero da rete fissa 800 986 787, Numero da rete mobile 06 899 700 61
Spedizione gratuita per tutti gli ordini online
Ogni ordine successivo in data odierna avrá le spese di spedizione gratuite.
Diamante grezzo

Nome

Il nome Diamante deriva dalla parola greca “adamas”, che significa “indomabile” e che sottolinea la sua particolare durezza.

Composizione chimica del Diamante

Il Diamante è composto da un unico elemento chimico, il cristallo di carbonio. A causa della struttura atomica compatta, gli elementi coloranti che danno il colore ad altre gemme non possono penetrare, ma esistono tuttavia anche esemplari colorati. Sono infatti il boro, l'idrogeno, l'azoto, come pure imperfezioni della struttura cristallina (centri di colore) a causare il colore dei Diamanti Fancy. I Diamanti colorati sono estremamente rari in natura, per cui la maggioranza degli esemplari disponibili sul mercato sono colorati artificialmente.

Estrazione del Diamante

Secondo la tradizione, il Diamante si estraeva in India già nell´800 a.C., mentre solo nel 1725 fu scoperta un´altra fonte da cui estrarre la gemma grezza, il Brasile. Nuove zone estrattive si trovano anche in Russia e in Canada. Attualmente il 65% dei Diamanti proviene dall'Africa. Il commercio con i cosiddetti “Diamanti insanguinati” (Diamanti estratti, contrabbandati e venduti in zone di guerra per finanziare i conflitti) viene aspramente ostacolato attraverso i certificati statali che attestano la loro origine. Il “Kimberly Process” è un programma delle Nazioni Unite che tende a sradicare il commercio dei Diamanti insanguinati tramite un sistema di regolamentazione governativa stipulato nel 2000 da più di 40 paesi compartecipanti; solo i paesi partecipanti possono esportare legittimante Diamanti grezzi ed esclusivamente verso i paesi compartecipanti.

Diamante
Diamante blu

Storia del Diamante

I Diamanti sono i protagonisti di tradizioni mitiche ed esoteriche: i filosofi dell'antica Grecia credevano che i Diamanti fossero abitati da spiriti ultraterreni; gli antichi Romani li consideravano lacrime degli dei o schegge di stelle cadute sulla Terra, mentre per gli induisti un Diamante si generava dallo scontro di un fulmine sulla roccia. Secondo la tradizione ebraica, un Diamante, posto davanti a una persona colpevole, si sarebbe oscurato, mentre posto davanti a un innocente avrebbe acquistato lucentezza. Per tutto il Medioevo e fino al Rinascimento, ai Diamanti venne attribuita tutta una varietà di poteri esoterici contro le avversità della vita, tra cui infondere ardimento, coraggio, invincibilità, forza e virtù, come pure di scacciare gli incubi, allontanare gli spiriti maligni, placare le bestie feroci e persino di proteggere la casa dai fulmini. Nonostante un antico decreto (1214 – 1270) di Luigi IX di Francia che aveva riservato ai reali l'uso esclusivo dei Diamanti, con il XV secolo queste gemme hanno intrapreso un lento cammino dalla monarchia verso le masse.

Caratteristiche del Diamante

Il Diamante è il materiale più duro esistente in Natura, ha una brillantezza abbagliante (riflessi di luce bianca, potenziati dal taglio, dal colore, dalla trasparenza e dalla fluorescenza) e un fuoco incredibile (la capacità di dispiegare la luce nei colori dello spettro) e uno sfavillio sbalorditivo (gioco di luce). Queste proprietà del Diamante risaltano maggiormente con un taglio “a brillante”. Il numero di faccette standard nel taglio “a brillante” è di 57 (58 se si tiene conto anche della tavola). Usato anche per altre gemme, il taglio “a brillante” venne introdotto specificamente per i Diamanti. Molti furono i tagliatori che contribuirono alla messa a punto di questo particolare taglio, tra i quali Vincenzo Peruzzi (veneziano del ´700), Henry Morse (che nel 1860 fondò a Boston il primo laboratorio in America per il taglio dei Diamanti) e Marcel Tolkowsky (membro di una grande e potente famiglia che si occupava di Diamanti, espose nel 1919 il suo metodo per calcolare i tagli necessari per creare l'ideale taglio a brillante).

Diamante rosso
Diamante nero

Varietà del Diamante

Accanto ai celebri Diamanti incolore o bianchi esistono anche esemplari colorati (Fancy Diamonds): gialli, blu, marroni, rossi e perfino neri. La valutazione del colore e della purezza di un Diamante sono messe a punto dalla scala dei gradi di purezza e dalla scala di colore del Diamante del GIA (Gemmological Insitute of America).

Cura del Diamante

Il Diamante può essere sottoposto alle tradizionali cure per la pulizia, come la pulizia a vapore e a ultrasuoni.

Gioielli con Diamanti

Scopri la collezione di gioielli con Diamanti sullo Shop

Torna su
Le News di Juwelo

Tutte le novitá deBlog sulle pietre preziose ed i gioielli

Cuini Amelio-Ortiz
Popolo di orafi: gli Etruschi e l’arte della gioielleria

18. Novembre 2018

Chi fu il primo popolo di orafi in Italia? Gli Etruschi! Grazie alle indagini archeologiche condotte nelle tombe sotterranee etrusche sono stati...
continua a leggere →