Turchese grezzo e lavorato

Nome

Il nome moderno “Turchese“ è in qualche modo un nome errato: quando fu portato in Francia da un commerciante veneziano, venne chiamato “pierre turquois”, ossia “pietra turca”, nonostante la sua origine fosse persiana. Questo nome non fu però l’unico: in Persia era denominato “ferozah”, che significa “vittorioso”. Fino al 13. secolo era conosciuto come “calläis“, che significa “gemma bella”, nome che deriva probabilmente dall’antico greco “kalláïnos”, così come “callaina”(latino).

Alcuni esperti di mineralogia e autori credono che questa denominazione si riferisca al nome moderno di Turchese, opinione però abbastanza controversa.

Composizione chimica del Turchese

Il Turchese è un fosfato idrato di alluminio e di rame. Il colore blu fino al blu-verde varia d’intensità, anche se storicamente si è sempre preferito un blu cielo con un grado intermedio di chiarezza e saturazione; di contro le tonalità verdi sono considerate meno preziose.

Estrazione del Turchese

Ancora oggi una delle località migliori per estrarre il Turchese rimane Nishapur, in Iran. Ulteriori zone estrattive sono gli Stati americani dell’Arizona e del Nevada e la Cina.

Storia del Turchese

Il Turchese è una gemma ricca di miti, poichè è stata una delle prime pietre preziose a essere stata estratta. Le sue prime estrazioni risalgono addirittura al 6.000 a.C nell’antico Egitto e nel 5.000 a. C. da parte dei Persiani e per questo è stata una pietra amata da molte culture, come, ad esempio, dai nativi americani, che usavano il Turchese come elemento irrinunciabile per la fabbricazione dei loro gioielli. I bracciali Zuñi e le cinture delle popolazioni Navajo, così come le maschere degli Aztechi erano tutti decorati da meravigliosi Turchesi. Tra i tesori di Moctezuma II. (1466-1520), nono imperatore azteco all’inizio della conquista del Messico da parte degli Spagnoli, c’era un serpente intagliato in Turchese. Dal 16. Secolo il Turchese era inoltre usato come moneta dagli abitanti dell’America sud-occidentale. Oggi è la pietra nazionale dell’Iran.

Turchese
Turchese porpora

Caratteristica del Turchese

Spesso è punteggiato con venature della roccia madre, normalmente di limonite nera o di ossido di manganese. Disegni attraenti e particolari non intaccano il valore di un Turchese.

Cura del Turchese

Il Turchese può essere sottoposto a una pulizia a vapore, ma non a ultrasuoni.

Gioielli con Turchese

Scopri la collezione di gioielli con Turchese sullo Shop

Torna su
Le News di Juwelo

Tutte le novitá deBlog sulle pietre preziose ed i gioielli

Cuini Amelio-Ortiz
Natale si avvicina, tempo di regali!

05. Dicembre 2019

Natale-idee-regalo

Tutto ciò che riguarda l'acquisto dei regali per Natale richiede tempo, calcolare il budget, pensare al regalo adatto, fare la scelta...
continua a leggere →

Per migliorare l’esperienza di acquisto e per fornire all’utente informazioni corrispondenti ai suoi interessi, noi e i nostri partner utilizziamo i cookie. Cliccando su questo sito web, su un link o su “OK” dai il tuo consenso. Ulteriori informazioni e opzioni di impostazione sono disponibili sulla nostra pagina Informativa sulla Privacy.

OK